• Vuoi autenticarti? [ Accedi ]
  • Scrivere al PCNella Nota del 27.06.2013, il MIUR approfondisce nel modo seguente il significato di programmazione didattica del Piano Annuale d’Inclusione: esso «non va inteso come un ulteriore adempimento burocratico, bensì come uno strumento che possa contribuire ad accrescere la consapevolezza dell’intera comunità educante sulla centralità e la trasversalità dei processi inclusivi in relazione alla qualità dei risultati educativi, per creare un contesto educante dove realizzare concretamente la scuola “per tutti e perciascuno”» Il PAI non è altresì «per i soli alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)», riguardando invece la programmazione generale della didattica della scuola, al fine di favorirne la crescita nella qualità dell’offerta formativa.

    In questo contesto, esso è parte integrante del POF d’Istituto con lo scopo di:

    1. definire buone pratiche comuni all’interno dell’Istituto;
    2. delineare prassi condivise di carattere amministrativo e burocratico, comunicativo e relazionale, educativo didattico e sociale.


    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.